MANIFESTO

testagocciolante copia

Intro
Dott. Porka’s P-Proj think ART and LIFE can’t be separated or museumificated. That’s why Dott. Porka’s P-Proj work into SPACE through their tool of analysis: the STREET-PHOTO PERFORMANCE.

Space
The raw material of space is nature.
Social systems impose their control on it and shape it up to their necessities. Space is molded by the social systems inhabiting it and acts like a mirror to them, a walk-through rendition of their essence. When social systems brutally seize the space, denying the values of civilization and rationality, thus abusing of their power, space then becomes impossible to understand, a real-life rendition of private interests and social ugliness. Dott. Porka’s P-Proj define these spaces ready-made area.

PorCatania

Ready-Made Areas
The places where environment and society short-circuit are called ready-made areas. Like the ready-made objects, these places lost their function and became puzzling and absurd: perceptions are impossible to order and be made sense of. The mind has no points of reference and gets lost.
Dott. Porka’s P-Proj use street-photo performances as their main tool of analysis of ready-made areas, creating new and hallucinatory connections between REALITY and its INHABITANTS.

Street-Photo Performances
Dott. Porka’s P-Proj invented the street-photo performance and are the first to use it as a tool of investigation, unmasking, and intervention in space.
Street-photo performances can be used as a tool of investigation in ordinary places too, like on a bus, in a square, or in a factory. What seemed like a solidly structured place, both socially and functionally, instantly becomes a ready-made area and shows the invisible degradation and unease hidden behind our structured behaviours.
Street-photo performances are strengthened when there’s an audience who is suddenly shown gashes of disordered space: its reactions become part of the creative act and often, whether they want it or not, give a new unexpected meaning to the performance, erasing the boundaries between art and life. Street-photo performance turn space into a field of investigation-action-animation.
On the art crime scene, there are three people wearing a white hazmat suite: they’re from the scientific police department, impostors arrived on the crime scene to corrupt the evidences. One of them holds a camera in his hands, taking pictures of the corpse of art and the insects competing for the rotten remains. The other holds a pencil as a knife, cutting the skin of the hallucinatory to gather new information on the investigation.

15 pane&amianto_2010_lofi

Photography
In street-photo performances photography isn’t used as a falsely unbiased way to document an happening but is part of the action, acting as narrative tool.
In ready-made areas the camera, even though taking pictures of real places and people, returns surreal images, unsettling evidences of the social and existential short-circuit between man, environment and society.

2012-8pork x murolofi

Illustration
The Ready-made area can’t be described in the ordered sequence of words and sentences. Paradoxically, in this context the illustrations are the integration or sometimes the substitutes of the camera, perfect tools to tell the objective nonsense of these places and of the creatures who can survive there. The illustrations then become actions, comics or wall paintings, which the collective calls “street-comix mural”. Graphic art rejects its aesthetics function to become the sign of an impossible surrender, of the willing to show what can’t be described or telling what can’t be said.

dottPorkas_ChemicalSession1

Museumification
Since Dott. Porka’s P-Proj believe there’s no distinction between art and life and refuse the idea of a museumificated life, their performances don’t aim at the creation of products to trade in art markets, or to die in a museum. Street-photo performances begin and end as creative acts when and where they take place. The only thing galleries can show are the findings of the social an spatial anaysis conducted by Dott. Porka’s P-Proj. The rear-guard of avant-guard beat the drums along the lines of social and cultural ghettos where it comes from, because there are no spaces of resistance, communication and sociality. It’s a war for another kind of communication.

dottPorkas_ChemicalSession2

The rules of the Street-Photo Performance

  1. It never aims at beauty, ita always aims at the communication of an idea;
  2. It is often not allowed by any legal authority;
  3. It often implies the violation of laws or the commitment of a felony, such as masking one’s face or entering sequestrated buildings or structures. That said, street-photo performances never allow nor endorse the commitment of act of distruction and robbery and of violence against people or animals;
  4. It can be supported by other people, who mustn’t be professional workers in the art field and are fully responsible of the consequences of their actions as Dott. Porka’s P-Proj;
  5. The masks, makeup or costumes used never recall celebrities of the entertainment industry or pop icons, or known people;
  6. It’s never thoroughly planned. The only acceptable starting point is an illustrated loose plot wich can be changed at any moment based on the suggestions coming from the actual performance and from the space where it’s taking place;
  7. The only tools allowed are a camera with a flash and a video camera redorder;
  8. It never takes place on a set nor is supported by professional props;
  9. It doesn’t have a set duration. When less than 30’ long, it’s called BLIZPOT.

Dott. Porka’s P.Proj

dottPorkas_ChemicalSession3

MANIFESTO

testagocciolante copia

Intro

Dott. Porka’s parte dal presupposto che ARTE e VITA non siano scindibili né musealizzabili. Per questa ragione i Dott. Porka’s operano nello SPAZIO utilizzando il loro strumento di analisi: la street-photo performance.

Lo spazio
La materia prima della natura è lo spazio.
I sistemi sociali contemporanei, controllati dai detentori dei poteri, impongono il loro controllo su esso, modificandolo e piegandolo alle loro necessità. Lo spazio è traduzione in segni visibili dei sistemi sociali che lo abitano e lo plasmano.
Le società occupano lo spazio in diversi modi. Quando la normalità dell’istituìto e le derive malate di civiltà e razionalità generano zone infette da sopruso e brutture sociali esse diventano ciò che i Dott. Porka’s definiscono una readymade area.

PorCatania

Le readymade area
Le readymade area sono i luoghi in cui la ragione non ha più riferimenti. Zone di visibile cortocircuito tra senso e società. Come dei readymade object, questi luoghi perdono la loro funzione e possono diventare assurdi ed enigmatici. Qui è impossibile dare un senso agli oggetti percepiti.
La street-photo performance è lo strumento d’indagine usato dai Dott. Porka’s attraverso il quale questi luoghi vengono posti in relazioni nuove ed allucinanti con il REALE ed i suoi ABITANTI.

La street-photo performance
I Dott. Porka’s sono i creatori della tecnica della street-photo performance e i primi a utilizzarla come strumento di indagine, smascheramento e intervento nello spazio. Lo strumento d’analisi della street-photo performance può essere utilizzato anche in luoghi ordinari, all’apparenza solidamente strutturati sul piano sociale e funzionale, come i trasporti pubblici, un centro urbano, o un luogo dedicato alla produzione. Questi diventano readymade area attraverso l’azione dei dott. Porka’s. volta a far emergere il degrado e il disagio sottesi alla nostra società (da cancellare).
La presenza nei luoghi ordinari dei casuali passanti, ai quali l’ azione mostra squarci di spazi non più regolati, rafforza lo strumento della street-photo performance: i passanti diventano parte integrante dell’atto creativo e spesso, che lo vogliano o meno, sono proprio loro ad attribuire o potenziare il senso dell’azione, annullando inevitabilmente il confine tra arte e vita. Con la street-photo performance lo spazio diventa area di indagine-azione-animazione.
Sul luogo del delitto dell’arte ci sono tre figure in tuta bianca: sono le tute della scientifica, indossate da impostori giunti sulla scena del crimine per inquinare le prove. Uno di essi maneggia una macchina fotografica: ritrae il cadavere dell’arte e gli insetti che se ne contendono i resti in putrefazione; l’altro impugna il bisturi del disegno: taglia l’epidermide dell’allucinatorio per attingere nuovi dati per l’indagine.

15 pane&amianto_2010_lofi

La fotografia
Nella street-photo performance la fotografia viene privata del suo presunto naturalismo e diviene parte attiva dell’azione, strumento narrativo integrato alla sua funzione di indagine.
Nelle readymade area la fotografia, intercalata nella realtà come la videocamera di un’endoscopia, rimanda solo immagini surreali, testimonianze inquietanti del cortocircuito sociale ed esistenziale tra senso e sistemi sociali.

2012-8pork x murolofi

Il disegno
Le readymade area, in cui nulla ha più un senso e mancano punti di riferimento, sono luoghi impossibili da descrivere nell’ordinata sequenza di parole che esprimano una frase di senso compiuto. In questo contesto, il disegno diventa lo strumento ideale ad integrazione della macchina fotografica, o in alcuni casi a sostituzione integrale di essa, per narrare l’oggettiva assurdità delle readymade area o delle creature che vi sopravvivono. Il disegno viene declinato dai Dott.Porka’s nel bozzetto di studio, nel fumetto, nel muralismo espresso dal collettivo come “comixmurals”. Anche l’arte grafica quindi rinuncia alla sua funzione estetica per diventare il segno di una resa impossibile, della volontà di mostrare e indagare l’indescrivibile.

dottPorkas_ChemicalSession1

La museificazione
Non esistendo per i Dott. Porka’s distinzione tra arte e vita e rifiutando l’idea di una vita museificata, il collettivo non ha come fine del suo operare la creazione di un prodotto mercificabile o che viva di vita propria in uno spazio museale. Una street-photo performance vive e si esaurisce come atto creativo solo negli spazi in cui ha luogo. Ciò che resta agli spazi espositivi è il “risultato” dell’indagine e dell’intervento socio spaziale del gruppo. La retroguardia dell’avanguardia batte il tamtam lungo le linee dei ghetti sociali e culturali da cui proviene perché non trova spazi di esistenza, di comunicazione, di socialità. È guerra per un’altra comunicazione.

dottPorkas_ChemicalSession2

Le regole della street-photo performance

    • Non è mai realizzata solo per motivi estetici ma sottende sempre alla comunicazione di un pensiero;
    • Spesso non è permessa da nessuna autorità legalmente riconosciuta;
    • Implica spesso una violazione della legge compiendo azioni perseguibili, come il rendersi irriconoscibili agli occhi di cittadini e Forze dell’Ordine, ola violazione di aree sottoposte a sequestro giudiziario, l’uso di passanti o individui sconosciuti come soggetti di intervention fotografiche. Queste azioni comunque non sono né violente né lesive nei confronti di cose o persone;
    • Può essere supportata da complici che a vario titolo non sono mai professionisti dello spettacolo, e al pari dei Dott. Porka’s rischiano in proprio le conseguenze delle loro azioni;
    • Non usa mai maschere o trucchi per scimmiottare personaggi del mondo dello spettacolo o icone dell’immaginario collettivo;
    • Non è mai organizzata nei minimi dettagli ma utilizza solo un canovaccio illustrato modificabile in qualunque momento in base alle esigenze della situazione e dello spazio;
    • Non è supportata da altra attrezzatura che non sia una macchina fotografica, un flash ed eventualmente una videocamera;
    • Non è mai realizzata in un set precostituito o supportato da costumi o scenografie costruite da professionisti dello spettacolo;
    • Non ha una durata predefinita. Le azioni inferiori ai 30” si definiscono BLIZPOT.

Dott.Porka’s P-proj.

dottPorkas_ChemicalSession3

Annunci